Intervista Zynic



H.P Siemandel, aka Zynic, è un valido esponente della scena electro tedesca: benvenuto tra le webpages di Vox Empirea!

> Zynic:  Grazie per l'ospitalità.



Prima domanda:  come giudichi l'interesse dell'informazione specializzata nei riguardi della musica di Zynic e, più globalmente, del panorama electro europeo? Ritieni soddisfacente la competenza e l'obiettività dimostrata dai mezzi di comunicazione?

> Zynic:  ha avuto un inizio sorprendente, le reazioni dei fan e dei più rilevanti media in materia electro sono stati molto positivi finora e spero che sia così anche col nuovo materiale.



Sei attivo dal 2008 e la tua musica è una combinazione di elementi electro 80's con soluzioni melodiche d'avanguardia. Personalmente sono sempre più convinto che le catturanti melodie che hanno caratterizzato gli anni 80 sono destinate ad influenzare la creatività degli artisti ancora per molto, molto tempo. Cosa ne pensi?

> Gli anni '80 rappresentarono un periodo molto creativo che ci ha donato alcune tra le più belle melodie e stati d'animo, credo che ispireranno le future generazioni di musicisti e fan quando li scopriranno.



Più di ogni altro elemento, avverto nelle tue creazioni una struttura melodica fortemente simile a quella dei Depeche Mode. Anche tu sei stato affascinato dalle loro strategie sonore al punto di improntare la tua musica in quella direzione?

> I Depeche Mode hanno innegabilmente una grande influenza sulla mia musica, tuttavia io ascolto anche altri vari stili che inconsciamente influenzano il mio lavoro.



Parlaci ora sinteticamente del tuo trascorso artistico e di cosa ti ha spinto a creare individualmente musica elettronica dietro lo pseudonimo "Zynic".

> Ho incominciato a suonare in diversi progetti come back-vocalist, ho sperimentato diversi stili non trovando mai abbastanza tempo per fare musica seriamente, così ho deciso nel 2008 di farlo al 100% o lasciare.



Molte delle tue composizioni sono state concepite con Olaf Wollschläger, vero? Come e quando è nato questo rapporto di reciproca cooperazione?

> Gli ho inviato un demo all'incirca nel 2009 e abbiamo prodotto tre promo-tracks insieme. Lavorare con Olaf è grande, perchè abbiamo musicalmente gusti simili. Ciò è davvero importante per me ai fini di un rapporto di lavoro creativo.



Personalmente preferisci suonare attraverso equipaggiamenti analogici o digitali?

> Personalmente preferisco i synths di ieri attraverso apparecchi di controllo di oggi. Penso che la combinazione di entrambi i mondi garantisca i migliori risultati.



Nelle liriche delle songs prediligi significati freddi e tecnologici oppure i tuoi testi parlano di sentimento e quotidianità "umana" in tutta la sua fragilità?

> L'ispirazione proviene da tutto il mondo. Esistono così tante cose strane in giro che sarebbe stato un crimine scrivere unicamente una canzone d'amore dopo l'altra.



Dopo il tuo promo del 2009 ed i recenti cd-ep "My Personal Kryptonite" e l'eccellente "Dreams In Black And White", ecco finalmente l'atteso full-lenght "Fire Walk With Me". Questa release è il risultato di ispirazioni artistiche cresciute dentro te in un recente passato, oppure essa racchiude in sè anche dettagli provenienti da tue vecchie esperienze?

> Non posso davvero dire. Ho scritto alcune canzoni prima del progetto Zynic che ho inserito nell'album, ma la maggior parte dei brani sono stati scritti negli ultimi tre anni. A proposito "Rescue Me" e "Absurd Lovesong" sono state scritte una ventina d'anni fa...



Nella stesura del tuo album hai ricevuto una valida collaborazione dalla tua label di supporto Conzoom Records?

> La Conzoom Records è specializzata nell'area synthpop. E' sempre la scelta migliore lavorare con le persone che amano ciò che fanno.



Pensi che la tua musica sia specificamente adatta ad uno stile di ascolto europeo, oppure essa potrebbe potenzialmente approdare anche oltreoceano?

> Ricevo un sacco di mail provenienti da tutto il mondo, anche dal Giappone, quindi credo proprio che la mia musica si adatti a tutti i ragazzi degli anni '80 e gli ascoltatori che non temono melodie dolci e qualche cliché.



Ritieni che l'attuale scena electro sia eccessivamente statica, satura di esponenti e abbia bisogno di una certa innovazione, oppure ritieni che non sia necessaria alcuna modifica al settore?

> La scena è un po statica soprattutto per mancanza di nuovi artisti non scritturati dalle labels o con poca visibilità. Le etichette non sembrano avere molto interesse nel presentare nuovi talenti. Preferiscono piuttosto trattare classiche ristampe e lavorare con i soliti noti.



On stage, preferisci esibirti di fronte ad un numero ristretto di partecipanti oppure ti senti a tuo agio anche davanti ad un pubblico numeroso?

> Non ho ancora suonato dal vivo come Zynic, quindi è meglio chiedermelo di nuovo l'anno prossimo!



Quale futuro prevedi per Zynic?

> Con il rilascio di "My Personal Kryptonite" e "Dreams In Black And White" il 16 settembre, il capitolo "Fire Walk With Me" sarà chiuso. Sto già scrivendo nuovo materiale per un nuovo single nei primi mesi del 2012.



Ti ringrazio per la tua gradita disponibilità e per essere stato con noi! Vuoi dedicare un tuo pensiero ai lettori di Vox Empirea?

> Grazie per la condivisione del vostro tempo con me e mille grazie ai miei ascoltatori italiani. Zynic vi ama!





* (by Maxymox 2011)